Tokyo Game Show 2020 cancellato

Tokyo Game Show 2020
(Ultimo aggiornamento: 8 Maggio 2020)

La Computer Entertainment Supplier’s Association (CESA) ha annunciato la cancellazione del Tokyo Game Show 2020 a causa della pandemia di Coronavirus (COVID-19) in corso.

L’evento era in programma dal 24 al 27 settembre al Makuhari Messe di Chiba, in Giappone.

Tuttavia, al posto dell’evento fisico, CESA prevede di tenere il Tokyo Game Show 2020 in formato digitale.

Ulteriori informazioni saranno condivise più avanti nel mese di maggio.

Ecco il messaggio completo:

Il Tokyo Game Show 2020 ha cancellato l’evento fisico per impedire la diffusione del COVID-19 ma ha pianificato uno show online“.

Il Tokyo Game Show 2020, che si terrà dal 24 al 27 settembre, è ora programmato per svolgersi online. Il Tokyo Game Show 2020, che di solito si tiene al Makuhari Messe, è stato cancellato. L’evento è organizzato dalla Computer Entertainment Supplier’s Association (CESA, Presidente: Hideki Hayakawa) e co-organizzato da Nikkei Business Publications, Inc. (Presidente e CEO: Naoto Yoshida) e Dentsu Inc. (Direttore rappresentante: Hiroshi Igarashi)“.

A causa dello scoppio del nuovo coronavirus (COVID-19) su scala globale la situazione rimane imprevedibile anche in Giappone. L’organizzatore e i co-organizzatori hanno preso questa decisione dopo una lunga riflessione per dare la massima priorità alla salute e alla sicurezza di visitatori, espositori e parti interessate. Chiediamo la vostra gentile comprensione e collaborazione“.

Ulteriori informazioni saranno annunciate, se necessario, sul sito Web ufficiale e attraverso comunicati stampa nel mese di maggio“.

La cancellazione del Tokyo Game Show 2020 si aggiunge a una lunga lista di eventi saltati a causa della pandemia. Proprio ieri è stata annunciata anche la cancellazione della Paris Games Week.

Che ne pensate?

Fonte: Gematsu.

Like?

Appassionata di giochi di ruolo giapponesi, genere che ha scoperto grazie alla saga Final Fantasy e approfondito con i capolavori usciti negli ultimi anni, s’interessa al retrogaming, rigiocando vecchie glorie come Monkey Island, Prince of Persia o vecchi capolavori marchiati Nintendo. Antonella comincia il suo percorso giornalistico in Italia, lavorando con Gamerepublic, PS Mania e Pokémon Mania. Si trasferisce in Francia per studiare la programmazione web : grazie a questo percorso anomalo ecco che nasce Game Universe.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi attributi e tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Password dimenticata

Vai alla barra degli strumenti